header

CONCEPT MODELS

           

1998 – VARESE THEATRE

Thesis – Faculty of Architecture - Polytechnic of Milan

Il progetto ha ottenuto Premio di laurea e borsa di studio
indetto da FAAR (FONDAZIONE ARCHITETTO AUGUSTO RANCILIO) edizione 1997 - Milano

Awarded with degree award and scholarship
sponsored by FAAR (FOUNDATION AUGUSTO RANCILIO ARCHITECT) 1997 edition - Milano.

 

Ogni tipo di sala, a seconda della sua configurazione, del volume e dell’assorbimento dei materiali di cui è composta, “suona” al pari di uno strumento musicale in maniera differente.

Il controllo tecnologico in questo progetto gioca un ruolo primario ed innovativo: la configurazione ideale della sala non sarà più un dato, ma diventerà anch’essa una variabile.

La sala a semi-arena, il sistema di elevatori ed il soffitto acustico, introducono un gran numero di variabili che rendono questo edificio uno strumento realmente flessibile per consentire, successivamente, a operatori con conoscenze tecniche specifiche (tecnici audio, registi, scenografi, musicisti) di progettare interdisciplinarmente, volta per volta, la configurazione ideale.

La flessibilità acustica affianca quella funzionale.

 

Every type of concert room, depending on its configuration, volume and absorption of the materials of which it is composed, "sounds" like a musical instrument in a different way.

The technological leadership in this project plays a primary role and innovative: the ideal configuration of the room is no longer a given, but also become a variable.

The concert room, semi-arena shaped, the system of elevators and acoustic ceiling, introduces a large number of variables that make this building truly flexible tool to allow then to practitioners with specific techniques (audio technicians, directors, designers, musicians ) to design, from time to time, the ideal configuration.

The sound combines the functional flexibility.

 

 

 

 

 

 

JoomSpirit